Vitamine per Distendere il Viso e Ridurre le Rughe

E’ vero, “l’uomo è ciò che mangia (citazione del filosofo Ludwig Feuerbach) “, e per stare bene deve farlo al meglio. Una cattiva alimentazione ci danneggia con risultati visibili sul nostro corpo. Ribaltando il concetto, se mangiamo in maniera corretta, apprezzeremo i risultati anche estetici. Oggi ci vogliamo proprio concentrare proprio su quei cibi e vitamine che migliorano l’aspetto estetico del viso contribuendo a ridurre le rughe ed i segni del tempo.

Partiamo dalle vitamine, in particolare la C, E, quelle del gruppo B . La vitamina C ha un ruolo fondamentale per il mantenimento della salute della pelle.
Conosciuta anche con il nome di acido ascorbico, è la chiave per la produzione di collagene, una proteina che aiuta nella crescita delle cellule e vasi sanguigni donando alla pelle compattezza e resistenza. La vitamina C da una mano anche nella cicatrizzazione dei tessuti migliorando la tenuta dei legamenti.

La vitamina C è anche un antiossidante che rallenta l’avanzamento dei radicali liberi responsabili della formazione delle rughe. Si tratta di molecole instabili che danneggiano il collagene e causano secchezza della pelle, linee sottili e appunto rughe.

Può essere assunta in maniera naturale tramite frutta e verdura, gli alimenti che più ne contengono sono gli agrumi, kiwi, ma anche peperoni, peperoncini, ma soprattutto rosa canina e acerola. La comunità scientifica è divisa sulla quantità necessaria al giorno per l’organismo umano, usando il buon senso, utilizzando la vitamina C come integratore, la quantità da assumere è variabile tra 0,2 ed 1 grammo quotidiano.

La vitamina C può essere anche passata sul viso comprando l’acido ascorbico in farmacia che costa pochissimo. Lo spalmate ogni giorno con un batuffolo di ovatta.

La tretinoina (si tratta di acido retinoico ed il nome commerciale del prodotto più famoso è Airol) viene utilizzata per velocizzare il ricambio delle cellule cutanee e aiutare i cheratinociti o corneociti (cellule che proteggono la pelle da avvelenamenti esterni quali sole ed inquinamento).

Ci sono poi gli Ioni di Rame che aiutano nel ripristino della pelle e nel rinforzare i capelli e poi altre vitamine come la E e quelle del gruppo B e B complex importantissime per la salute della pelle e del cuoio capelluto.

Dove trovare le Vitamine per la pelle

Per assicurarsi che la vostra dieta includa molta vitamina C, mangiate agrumi e verdure ricchi di vitamina C come peperoni, broccoli, cavolfiori e verdure a foglia verde. Questi alimenti possono sostituire la perdita di vitamina attraverso la pelle. È inoltre possibile assumere integratori di vitamina C , fino a 500 a 1.000 milligrammi al giorno.

Puoi trovare vitamina E negli oli vegetali, noci, semi, olive, spinaci e asparagi. Ma è difficile ricavarne in dose massiccia dal cibo, così tante persone prendono degli integratori. (Attenzione, tuttavia, alcune ricerche recenti mettono in guardia sul fatto che grandi dosi di vitamina E possono essere dannose.) Non superate la dose giornaliera di 10 mg (circa 15 UI).

vitamine per la pelle

Creme

Recentemente, una maggiore attenzione viene rivolta alle creme e lozioni contenenti vitamine del gruppo B. Questi composti possono contribuire a donare alla pelle una luminosità quasi istantanea mentre idratano le cellule e aumentano il tono generale. La niacina , una vitamina B specifica, aiuta la pelle a trattenere l’umidità, quindi le creme contenenti questo ingrediente possono aiutare la tua carnagione a sembrare più tonica, le guance piú paffute. La niacina ha anche proprietà antinfiammatorie utile per lenire la pelle secca e irritata. In concentrazioni più elevate può anche funzionare come agente schiarente per uniformare il tono della pelle a chiazze.

Ci sono poi creme alla Vitamina K che è una sotanza nutritiva responsabile dell’aiuto alla coagulazione del sangue . Gli studi presentati all’American Academy of Dermatology nel 2003 hanno dimostrato che la vitamina K per uso topico funziona bene per ridurre i cerchi sotto gli occhi  In una ricerca pubblicata sul Journal of American Academy of Dermatologynel 2002, i medici della Scuola di Medicina dell’Università di Miami hanno scoperto che i trattamenti per la pelle con crema alla vitamina K dopo la chirurgia laser riducevano significativamente le contusioni. Combinata con la vitamina A in una crema, la vitamina K può essere ancora più efficace per le occhiaie.

Un massaggio viso lifting è utile come esercizio quotidiano per fare prevenzione, limitare la formazione di rughe.

Uno stile di vita sano e corretto contribuisce come è evidente a combattere il photo aging, il foto invecchiamento cutaneo. Bandito il fumo, limitato l’alcool, ma anche il sole. La luce solare rovina, invecchia, di certo non possiamo rinunciarci, perchè contribuisce a fissare il calcio nelle ossa e stimola la produzione di serotonina, il cosiddetto ormone della felicità, ma cerchiamo di evitare l’esposizione durante i mese caldi nelle ore comprese tra le 11 e le 16 e mettiamo sempre una crema solare con fattore di protezione massimo.

Acido Polilattico Sculptra per rughe e ringiovanimento viso

Per riempire guance cadenti, eliminare le rughe, effettuare un ringiovanimento del viso nella medicina estetica si fa largo uso di iniezioni di acido polilattico, nome commerciale Sculptra. Si tratta di un polimero, cioè una sostanza sintetica, biodegradabile, che viene assorbita dal corpo lentamente e in modo naturale. Non essendo di derivazione animale l’ acido polilattico è inerte e, per questo, non richiede alcun test prima del trattamento per verificare l’eventuale allergia al prodotto.foto prima e dopo acido ialuronico

Si tratta, infatti, della stessa sostanza di cui possono essere costituiti alcuni dispositivi medici come fili di sutura, viti e placche utilizzati in chirurgia generale. Per gli specialisti di medicina estetica l’acido polilattico è un filler di lunga durata, anche se per composizione e modalità d’azione è molto diverso da altre formule che si iniettano nella cute allo scopo di riempire le rughe. La sua azione, infatti, non si basa sul semplice riempimento del solco cutaneo, ma sull’aumento di volume dovuto alla generazione di nuovo collagene (neocollagene). In pratica, stimola la produzione della sostanza che offre “sostegno” alla pelle.

Iniettato nella cute, più precisamente nello strato dermico, l’acido polilattico richiama acqua nella zona e provoca una blanda, ma prolungata reazione infiammatoria, che stimola i fibroblasti (le cellule del tessuto connettivo) a formare nuovo collagene (neocollagene), provocando così un aumento di volume del tessuto stesso.

A differenza di altri filler, questa sostanza ha un effetto qualitativo perché la sua efficacia non è determinata dalla quantità di prodotto iniettato, ma dalla sua azione stimolante. Per questa ragione è considerato un vero e proprio ricostituente del tessuto connettivo e questa proprietà spiega la capacità dell’acido polilattico di “rimpolpare” le guance cadenti, offrendo una piacevole sensazione di morbidezza al tatto e di naturalezza d’aspetto. Non è tutto: il trattamento viene eseguito su tutta la zona del viso interessata dai cedimenti, quindi la correzione non si limita a risollevare il solco creato da una ruga specifica. Il risultato è un ringiovanimento generale dovuto a un piacevate effetto lifting.

Quanto durano gli effetti dell’ acido polilattico: sono superiori a quelli dell’ acido ialuronico e del botox. I risultati si apprezzano dopo circa un mese e durano anche per 12-15 mesi.

Acido Polilattico prezzi: un trattamento completo per il volto costa circa 700-900 euro. Per le singole zone come guance, contorno bocca, fronte il prezzo è di 300-400 euro.

Effetti secondari, rischi: come riportato dallo stesso sito statunitense di Scluptra, l’acido polilattico non deve essere utilizzato nell’ area intorno agli occhi. Effetti secondari dopo un trattamento includono la formazione di piccoli grumi sotto la pelle che a volte sono evidenti quando si preme sulla zona trattata. Grumi più grandi possono avere un’ insorgenza ritardata, con o senza infiammazione o scolorimento della pelle. I grumi tendono a scomparire con il tempo senza il bisogno di successivi trattamenti.

In foto prima e dopo trattamento con acido polilattico per le rughe, dal sito Sculptra.

Indurre la produzione di collagene con il needling

Collagene ed elastina sono le principali proteine che compongono il tessuto connettivo dell’ uomo. La loro presenza è alla base per il mantenimento di una pelle sana ed elastica, purtroppo però con il tempo tendono a diminuire. C’è una nuova tecnica che prova ad indurre la produzione di collagene utilizzando la tecnica del needling.

Cosa significa il needling per la pelle?

Needle in inglese significa ago, la tecnica del needling consiste nel “punzecchiare” la pelle del nostro viso procurandogli delle microferite, lo scopo è quello di far aumentare la produzione di colagene ed elastina. Come avviene tutto ciò? Proprio facendo sanguinare la pelle, a questo punto il nostro organismo reagisce andando a riparare la ferita. Si mettono in modo tutta una serie di processi che intervengono per cicatrizzare la parte colpita che non sole si rimargina nel tempo, ma migliora l’aspetto della zona circostante. Ecco perchè il needling serve per ridurre le rughe del viso, le lieve cicatrici e anche le smagliature.

Per creare queste microabrasioni si utilizza un “roller” che viene venduto via internet. Su questo cilindro di acciaio sono montati circa 200 aghi piccolissimi della lunghezza che va da 0,5 a 2,5 mm. Dipende da che profondità vogliamo raggiungere, ovviamente piu’ andiamo in profondità maggiore sarà la ferita. Per il viso la dimensione massima che si può utilizzare sono 1,5mm. Chi lo vende dice che si può fare da soli anche in casa, ma già molti centri estetici lo propongono come alternativa all’ acido ialuronico e forse è meglio affidarsi ad un professionista esperto.

Le sedute per un trattamento di induzione del collagene costano circa 80 euro l’una, possono essere effettuate piu’ volte all’ interno della stessa settimana e promettono di ridurre sensibilmente, rughe,  cicatrici e segni del tempo presenti sul volto.

In foto il roller needling che viene utilizzato per questo ripo di trattamento.