Archivio Categorie: trattamenti alternativi

Biostimolazione Viso Funziona? Di cosa si tratta e i Risultati

Ci sono molti interventi non invasivi che si possono fare per ridurre le rughe ed in generale il foto invecchiamento della pelle. Uno dei tanti è rappresentato dalla biostimolazione del viso. La parola racchiude già il significato della procedura, ma può anche essere chiamata Bioristrutturazione, Biorigenerazione o Biorivitalizzazione.

Si tratta di stimolare con interventi non invasivi la produzione di collagene, alcuni aminoacidi e acido ialuronico, già presenti in maniera particolare nel nostro corpo. Questi due elementi sono fondamentali per il tessuto connettivo. Sono responsabili dell’ elasticità cutanea e con il passare del tempo tendono a diminuire.

Come funziona

il trattamento medico estetico tende a integrare in maniera massiccia questi componenti. La diminuzione in particolare dell’ acido ialuronico è responsabile da sola della lassità cutanea e della formazione di rughe.

Non dobbiamo tralasciare sicuramente altre concause oltre all’ invecchiamento anagrafico. Uno stile di vita scorretto e comportamenti errati contribuiscono a rendere “malata” la pelle. Un eccesso di zuccheri da’ vita al fenomeno della glicazione, poca frutta e verdura, troppi cibi grassi, fumo, alcool un’esposizione eccessiva al sole danneggiano l’epidermide e la cute in profondità.

prima dopo biostimolazione

I fibroblasti, le cellule del derma, non si riproducono. La biostimolazione serve a stimolare la successiva produzione. Vengono iniettate delle sostanze ad hoc a livello del derma. Si tratta di concentrati di vitamine, sieri, acido ialuronico in grado di stimolare la sintesi del collagene. Si utilizzano anche fattori di crescita ed estratti placentari che hanno lo scopo di stimolare le cellule attivando il loro metabolismo e promuovendo pertanto una rigenerazione e produzione di nuovo collagene.

Il trattamento tramite filler dermali è integrato con l’assunzione di integratori alimentari in grado di rinnovare le cellule ed incrementare il metabolismo cutaneo e sottocutaneo . La biostimolazione può essere effettuata anche come terapia da coniugare ad un intervento di medicina estetica, lifting del viso.

Esiste anche una biostimolazione omeopatica che fa utilizzo solo di sostanze naturali.

Quante sedute occorrono per i primi risultati

dopo i primi tre trattamenti, effettuati a distanza di 1 o 2 settimane uno dall’ altra, si avvertono i primi risultati. Evidenti. La pelle appare piú liscia e luminosa, le rughe sono meno marcate e la lassità cutanea tende a diminuire. Non aspettiamoci comunque miracoli, non può essere paragonato ad un lifting facciale che tende letteralmente i muscoli sottocutanei del viso.

Effetti Collaterali

le iniezioni vengono fatte da professionisti, medici chirurgici che sanno dove iniettare le sostanze. Può accadere però di avere delle ecchimosi sul volto che tendono a sparire nel giro di qualche giorni. Lividi sono piú rari, ma possono comunque presentarsi.

Attenzione a chi è allergico ai prodotti che vengono iniettati. La biostimolazione è sconsigliata anche per coloro che soffrono di malattie autoimmuni.

Può presentarsi gonfiore, dolore e prurito nelle ore successive al trattamento nelle zone ove è stata fatta la biostimolazione.

Prezzi

i costi di una seduta di biostimolazione del viso dipendono dal tipo di sostanze iniettate o utilizzate. Diciamo che mediamente si spendono 80-150 euro. Ovviamente dipende anche dal professionista che opera e dalla città. Una biostimolazione fatta a Napoli probabilmente costerà di meno di una eseguita a Torino o Milano.

A chi è consigliata

la biostimolazione è consigliata a uomini e donne che hanno superato almeno i 30 anni di età. Quindi va bene per pelli relativamente giovani, non giovanissime, e mature il tutto per  rallentare il fisiologico processo di invecchiamento riattivando la funzionalità cellulare.

Prodotti sul mercato

I prodotti che si trovano sul mercato sono Placentex Integro , Dona (Rottapharm) , Made (Guna),  Restylane (Q-Med) tutti in fiale mentre per quel che riguarda i filler dermali ci sono Restylane Touch e Teosyal Deep Lines. Collagen D6 invece è un prodotto omeopatico che stimola la produzione autologa di collagene, responsabile dell’ eleasticità della pelle.

Possono anche essere utilizzati da soli a livello dell’ epidermide, anche se qualcuno li utilizza iniettandoli sottopelle.

Funziona realmente? Le opinioni

un recente studio effettuato all’ Università di Pechino e pubblicato sulla prestigiosa rivista medica Pubmed ha dimostrato la riduzione di rughe nasolabiali nei soggetti sottoposti al trattamento con biostimolazione con acido ialuronico.

I trattamenti simili

Ci sono le iniezioni di piastrine autologhe del proprio sangue, tecnica prp, opportunamente trattate da impurità. Esistono le iniezioni di acido polilattico e di collagene.

se ti Piace condividiShare on FacebookEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+

Microneedling ridurre cicatrici e rughe con gli Aghi

Una delle terapie poco invasive dedicata alla riduzione delle rughe e delle cicatrici in generale è rappresentata dal microneedling. Si tratta di una tecnica manuale, molto semplice, in cui si utilizza una specie di spazzola rotante chiamata dermarolling. Tanti piccoli aghi sono impiantati al posto delle setole per produrre delle piccole lacerazioni cutanee sul viso, sulla zona da trattare dove sono presenti rughe e avvallamenti. 

Il microneedling si basa su un principio semplice: ovunque si punge, si crea un microtrauma cutaneo, una piccola ferita che fa attivare in maniera immediata i processi di riparazione. La punta dell’ago stimola meccanicamente i fibroblasti a produrre collagene, elastina e acido ialuronico, pronti a tessere un tessuto nuovo.

Come funziona

Prima di passare sul viso il dermoroller, la pelle viene resa insensibile da una crema anestetica. Il segreto per non avvertire alcun dolore?

dermaroller_rughe

Scegliere spazzole che hanno tanti aghetti ravvicinati tra loro (anche 450!) in modo da formare una superficie compatta. Ci sono anche i dermoroller elettrici: rapidi, sicuri e a pressione calibrata, con
punte ultrasottili che penetrano nella pelle a una diversa profondità: da 0,5 mm, per levigare rughe sottili (come quelle del “codice a barre” sopra le labbra) fino a un massimo di 0,3 mm in caso di cicatrici, macchie o solchi profondi.

Il trattamento lascia sulla pelle del viso tanti puntini rossi sui quali applicare una pomata antibiotica per tre giorni (puoi mascherarli con un fondotinta coprente).

Gli effetti

L’effetto rigenerante si apprezza dopo 3 settimane ed è potenziato da eventuali infiltrazioni di Prp (le piastrine estratte dal proprio plasma sanguigno) o di cellule staminali ricavate dal grasso autologo.

Prezzi

circa 200 euro a seduta che può essere ripetuta nel corso dell’ anno. Il microneedling deve essere realizzato da medici e non da semplici estetisti. Il dermaroller deve essere assolutamente sterilizzato per via del sanguinamento.

Vengono venduti anche dei dermaroller per un uso “fai da te”, lo sconsigliamo.

VANTAGGI

il vantaggio nell’ uso di questa tecnica è quello di abbattere il collagene denso che provoca alcuni tipi di cicatrici e stimolare al contempo la formazione degli altri che migliorano l’elasticità cutanea.

La tecnica non prevede l’uso del bisturi del chirurgo o di elementi chimici come quelli utilizzati nel peeling dermo abrasivo.

Il microneedling può essere utilizzato anche per combattere l’alopecia e stimolare la ricrescita dei capelli, a tal proposito potete vedere i risultati di questo studio:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26175132

Controindicazioni

reazioni avverse alle procedure needling micro possono accadere se, nell’ uso del dermaroller, non viene attuato un processo di sterilizzazione tra un paziente e l’altro. Un’ eccessiva pressione potrebbe causare traumi al volto se si usano aghi troppo lunghiPoi c’è la guarigione, le persone hanno riportato i loro

Eliminare le Cicatrici da Acne

molto spesso quando si è sofferto di un acne particolarmente aggrissivo, di tipo cistico che ha lasciato brutte cicatrici possiamo intervenire con una nuovissima tecnica. «L’ago di una comune
siringa viene inserito nel piano sottocutaneo e ruotato a ventaglio per scollare la pelle e rompere i
tralci fibrosi responsabili delle depressioni .Quindi, si inietta nel buchino un gel di acido
ialuronico chiamato skin booster perché più denso e concentrato del solito: serve sia a riempire
(effetto filler) sia a stimolare la formazione di nuovo derma.

se ti Piace condividiShare on FacebookEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+

Vitamine per Distendere il Viso e Ridurre le Rughe

E’ vero, “l’uomo è ciò che mangia (citazione del filosofo Ludwig Feuerbach) “, e per stare bene deve farlo al meglio. Una cattiva alimentazione ci danneggia con risultati visibili sul nostro corpo. Ribaltando il concetto, se mangiamo in maniera corretta, apprezzeremo i risultati anche estetici. Oggi ci vogliamo proprio concentrare proprio su quei cibi e vitamine che migliorano l’aspetto estetico del viso contribuendo a ridurre le rughe ed i segni del tempo.

Partiamo dalle vitamine, in particolare la C, E, quelle del gruppo B . La vitamina C ha un ruolo fondamentale per il mantenimento della salute della pelle.
Conosciuta anche con il nome di acido ascorbico, è la chiave per la produzione di collagene, una proteina che aiuta nella crescita delle cellule e vasi sanguigni donando alla pelle compattezza e resistenza. La vitamina C da una mano anche nella cicatrizzazione dei tessuti migliorando la tenuta dei legamenti.

La vitamina C è anche un antiossidante che rallenta l’avanzamento dei radicali liberi responsabili della formazione delle rughe. Si tratta di molecole instabili che danneggiano il collagene e causano secchezza della pelle, linee sottili e appunto rughe.

Può essere assunta in maniera naturale tramite frutta e verdura, gli alimenti che più ne contengono sono gli agrumi, kiwi, ma anche peperoni, peperoncini, ma soprattutto rosa canina e acerola. La comunità scientifica è divisa sulla quantità necessaria al giorno per l’organismo umano, usando il buon senso, utilizzando la vitamina C come integratore, la quantità da assumere è variabile tra 0,2 ed 1 grammo quotidiano.

La vitamina C può essere anche passata sul viso comprando l’acido ascorbico in farmacia che costa pochissimo. Lo spalmate ogni giorno con un batuffolo di ovatta.

La tretinoina (si tratta di acido retinoico ed il nome commerciale del prodotto più famoso è Airol) viene utilizzata per velocizzare il ricambio delle cellule cutanee e aiutare i cheratinociti o corneociti (cellule che proteggono la pelle da avvelenamenti esterni quali sole ed inquinamento).

Ci sono poi gli Ioni di Rame che aiutano nel ripristino della pelle e nel rinforzare i capelli e poi altre vitamine come la E e quelle del gruppo B e B complex importantissime per la salute della pelle e del cuoio capelluto.

Uno stile di vita sano e corretto contribuisce come è evidente a combattere il photo aging, il foto invecchiamento cutaneo. Bandito il fumo, limitato l’alcool, ma anche il sole. La luce solare rovina, invecchia, di certo non possiamo rinunciarci, perchè contribuisce a fissare il calcio nelle ossa e stimola la produzione di serotonina, il cosiddetto ormone della felicità, ma cerchiamo di evitare l’esposizione durante i mese caldi nelle ore comprese tra le 11 e le 16 e mettiamo sempre una crema solare con fattore di protezione massimo.

se ti Piace condividiShare on FacebookEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+

Gruppi di Acquisto per la Medicina Estetica sono sicuri?

In Italia, ma un po’ in tutti il mondo, il fenomeno degli acquisti di gruppo sta diventando sempre più presente nel comportamento dei consumatori. Lanciato in Usa nel 2008 grazie a Groupon i buoni sconto all’ inizio riguardavano soltanto gastronomia e turismo con offerte per cene e pernotti in hotel ed alberghi, successivamente il fenomeno si è allargato a qualsiasi comparto coinvolgendo anche la parte relativa alla salute e al benessere.offerte botox

Anche la medicina estetica è offerta infatti tramite gruppo di acquisto, non è raro infatti trovare offerte che riguardano sedute di cavitazione estetica, pressoterapia, massaggi oppure trattamenti con filler dermali a base di acido ialuronico, minilifting, acido polilattico o botox. Ma sono sicuri? 

Finchè si tratta di una cena va tutto bene, ma con la salute non si scherza tanto che nel 2011 il Presidente dell’Ordine dei Medici di Bologna ha richiamato gli iscritti ad abbandonare un noto portale di acquisti di gruppo. Potrebbero esserci delle logiche legate alla sicurezza, ma, come in molti sospettano, l’intento è quello di non far “abbassare” troppo il tariffario per alcune prestazioni mediche che in molti casi vengono offerte a costi molto vantaggiosi per il consumatore.

Gli sconti online proposti attraggono gli amanti della medicina estetica a cui è proposto uno sconto sui pacchetti beauty che oscilla tra il 70 ed il 90%. Come comportarsi di fronte ad offerte così succulenti da far dubitare che siano vere? I consumatori hanno a disposizione degli strumenti, o meglio, prima di procedere con l’acquisto possono effettuare dei controlli.

E’ bene ricordare che il Ministero della Salute prescrive tassativamente che iniezioni di acido ialuronico e botox o qualsiasi altro filler dermale debbano essere effettuate da un medico e non da un estetista. Quando visualizziamo un’offerta con il prezzo e la descrizione del trattamento c’è anche il nome e l’indirizzo dello studio che lo esegue.

Potremo preventivamente contattare lo studio oppure verificare le competenze di chi lo effettua. Ogni medico, lo ricordiamo, è iscritto all’ ordine della provincia in cui esercita. Basta verificare la presenza del suo nome nelle liste per sincerarci che sia realmente un dottore con tanto di specializzazione. Su Internet poi non si sfugge più. Se il medico in questione non è all’ altezza sui gruppi di discussione salterà fuori. Una volta quindi che abbiamo fatto le nostre ricerche leggiamo bene cosa offre il coupon in vendita. Le condizioni solitamente sono ben dettagliate, se siamo convinti possiamo procedere con l’acquisto ricordando che il trattamento va effettuato entro dei limiti di tempo espressi nel coupon stesso.

Attenzione anche alla cavitazione proposta dai gruppi di acquisto. Solitamente quella groupon, ovvero più invasiva, che agisce al livello del derma, è anche la più efficace, Solo un medico può effettuarla con macchinari specifici, altrimenti si tratta di cavitazione estetica, che agisce al livello dell’ epidermide

se ti Piace condividiShare on FacebookEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+

L’Acido Ialuronico per le macchie della pelle

In alcuni periodi della vita possono apparire delle macchie brune sul volto, molto antiestetiche. Questa patologia si chiama melasma, o cloasma, queste macchie si presentano sul viso di una donna in alcuni particolari momenti della vita, ad esempio dopo la gravidanza, durante l’assunzione della pillola contraccettiva o in estate quando c’è una maggiore esposizione al sole.

Sono macchie di una forma irregolare che ritroviamo sul labbro superiore, fronte, guance. La causa? Non è ben definita. E’ molto probabile che gli estrogeni, ormoni femminili, producano un eccesso di melanina. L’acido ialuronico può aiutare nello “schiarire” le macchie? Non molto. Può sicuramente rendere la pelle liscia e più luminosa tendendo a minimizzare l’effetto del cloasma ma per intervenire in maniera più efficace ci sono altri strumenti. Vediamo da vicino quelli proposti dai dermatologi.melasma

Idrochinone: è considerato un composto nocivo, tanto che la direttiva 2008/88/CE lo ha ad esempio vietato nei prodotti per l’ossidazione per la tintura capelli. Ci sono delle pomate che vengono vendute al di fuori dei circuiti ufficiali, ma, come detto il suo uso è sconsigliato anche se i fautori dell’ idrochinone sostengono che gli effetti nefasti non sono stati provati.

Acido piruvico: sostanza utilizzata anche per combattere l’acne si utilizza per effettuare un peeling abrasivo dell’epidermide che stimola anche la produzione del collagene al livello dermico. Si utilizza in concentrazione compresa tra 40 e 50%. Il paziente dopo il trattamento non può esporsi al sole per un periodo piuttosto prolungato, da effettuare quindi nei periodi invernali.

Acido glicolico: alla stessa stregua di quello Piruvico anche questa sostanza viene utilizzata per il peeling. Esistono anche delle creme vendute in farmacia che ne contengono il principio in concentrazioni molto basse. La loro efficacia è molto limitata. Per macchie piuttosto estese e vistose c’è quindi bisogno di un intervento ambulatoriale seguito da un dermatologo che stabilirà dosi e concentrazione. Anche in questo caso vietata l’esposizione al sole dopo il trattamento.

Acido cogico: si tratta di un “depigmentante” che viene venduto in erboristeria o farmacia con concentrazione al 2-3% senza ricetta medica. Si applica direttamente sulle macchie del viso.

Laser: è l’intervento più invasivo ma anche quello più risolutore, utilizzato anche per combattere il fotoinvecchiamento della pelle. Si usa il laser a luce pulsata o “Q-switch“. Dopo l’intervento si applica una pomata antibiotica sulla zona trattata e, anche in questo caso, sole vietato per qualche settimana. Per controllare l’efficacia del trattamento laser questi sono i risultati di un test pubblicato su Pubmed con le foto del prima e dopo. Prezzi a partire da 500 euro.

se ti Piace condividiShare on FacebookEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+