Disordine Dismorfico del corpo Coloro Vedersi Brutte

La disponibilità di procedure cosmetiche per migliorare il nostro aspetto sembra essere in costante aumento. Molte cliniche offrono interventi a base di botox, filler dermali come acido ialuronico, peeling chimico. Allo stesso modo, quando si cerca un dentista la maggiorparte degli specialisti pubblicizza lo sbiancamento dei denti e l’applicazione di faccette piuttosto che interventi di salute dentale.

Negli ultimi cinque anni, c’è stato un aumento del 20% nelle procedure chirurgiche in Europa. Ancor più sorprendentemente i dati che riguardano le procedure non chirurgiche, cresciute quasi del 50%.

Alla luce di questa crescente tendenza nei trattamenti cosmetici, una domanda che ci poniamo è: qual è l’impatto sulla salute mentale?

Un inguaribile ottimista potrebbe dire che queste procedure non fanno che migliorare autostima e fiducia nelle persone, che aumentano il benessere psicologico. In alcuni casi questo potrebbe essere vero.

Probabilmente tutti conosciamo persone che hanno subito una procedura cosmetica e che sembravano sinceramente felici del risultato. Tuttavia, vi è la preoccupazione che tale enfasi sui trattamenti cosmetici possa implicitamente alimentare l’importanza sociale attribuita all’apparenza, che potrebbe avere conseguenze negative per parecchi individui.

vedersi-brutte

Parliamo di coloro che potrebbero soffrire di disordine dismorfico del corpo, o meglio BDD, acronico inglese di Body dysmorphic disorder da alcuni chiamata anche dismorfofobia.

La BDD è una condizione psichiatrica invalidante che colpisce circa il 2% di giovani ed adulti ed è caratterizzatoa da un’eccessiva preoccupazione per difetti percepiti nel proprio aspetto fisico che causano notevole stress e/o menomazione” dice la psicologa CLAUDIA DE MASI.

Questi difetti sono inosservabili o appaiono minimi per gli altri. Ad esempio, un malato può passare ore ogni giorno a temere che il naso sia storto, quando in realtà sembra normale agli altri.

Cause

Come per la maggior parte dei disturbi mentali, la causa della sindrome è probabilmente intricata, del tutto biopsicosociale e si sviluppa attraverso un’interazione di molteplici fattori, tra cui genetici, evolutivi, psicologici, sociali e culturali.

Solitamente si sviluppa durante la prima adolescenza, sebbene molti pazienti notino traumi, abusi, negligenza, prese in giro o prepotenze. Sebbene gli studi gemelli sulla BDD siano pochi si stima una buona percentuale di ereditabilità .

Le cause possono cercarsi anche nell’ introversione dei soggetti,  in un’ immagine corporea negativa, nel perfezionismo, in una accresciuta sensibilità estetica, abuso e abbandono dell’infanzia.

Anche l’influenza dei media è stata anche identificata come un fattore che causa cattiva immagine corporea.

 

Gli individui con BDD variano nel livello di convinzione con cui mantengono le loro convinzioni; alcuni malati possono riconoscere che la loro preoccupazione è eccessiva, mentre altri sono convinti che ci sia qualcosa di significativamente sbagliato nel loro aspetto.

Non sorprende quindi che coloro che soffrono di disordine dismorfico del corpo si rivolgano comunemente a procedure cosmetiche, il tutto nel tentativo disperato di alleviare il loro disagio. Più specificamente, si stima che circa i tre quarti degli adulti e quasi la metà dei giovani con BDD cerchi trattamenti cosmetici chirurgici e non chirurgici.

Questi individui non cercano la perfezione nel loro aspetto, ma piuttosto tentano di correggere il loro difetto, percepito come tale, nel tentativo di confondersi con la folla. Non vogliono essere belli, sentirsi “normali”.

 

Quale è il problema? Molti studi  ( pubblicati su Psychological Medicine ) hanno rilevato però che, per la stragrande maggioranza degli individui, i sintomi della BDD sono rimasti invariati o addirittura peggiorati a seguito di trattamenti cosmetici. I pazienti hanno riferito frequentemente di aver sviluppato nuovi problemi di aspetto, stavano continuando a preoccuparsi dell’area trattata e / o si stavano preoccupando che una parte del corpo una volta migliorata sarebbe diventata di nuovo “brutta”.

Le persone che soffrono di BDD, prima di ricorrere ad interventi estetici, dovrebbero quindi rivolgersi ad uno psicoterapeuta . La Terapia Cognitivo-Comportamentale pare riesca a ridurre i sintomi rafforzando autostima e fiducia nei pazienti.

ll disordine dismorfico del corpo rimane ancora poco riconosciuto, ma il crescere dei casi ha sottolineato come si debba porre attenzione a questi eventi.

se ti Piace condividiShare on Facebook
Facebook
Email this to someone
email
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *